Banche: Nouy, nel 2017 bilanci migliorati e npl ridotti

BRUXELLES - "Nel 2017 le banche dell'Eurozona, sostenute dal migliorato ambiente economico, hanno rafforzato ulteriormente il loro capitale e migliorato i bilanci, e i continui sforzi per affrontare gli npl hanno portato a un calo dal 6,5% al 5,2%" nel terzo trimestre 2017 rispetto allo stesso periodo del 2016. Lo ha detto il capo della supervisione unica della Bce Daniele Nouy parlando al Parlamento Ue. Nouy ha sottolineato che restano però "considerevoli differenze tra banche".

 

Le iniziative dei supervisori "hanno cominciato a dare frutti", e gli sforzi "considerevoli di istituzioni significative hanno portato a un calo degli npl di circa 200 miliardi di euro" negli ultimi due anni. Ciononostante "il tasso di npl resta troppo elevato in molti Stati membri, una situazione che impedisce nuovi prestiti e non rende possibile beneficiare dell'espansione economica dell'Eurozona", ha sottolineato Daniele Nouy. "Non vedo alcuna ragione che ci impedisca di agire ora" sugli npl, "perché la crescita è tornata e ci consente" di affrontare la questione: ha proseguito.

President of the Supervisory Council at the ECB, Daniele Nouy, speaks at the '2015 Forum on Banking Supervision' in the European Central Bank (ECB) headquarters in Frankfurt am Main,??Germany, 04 November 2015. ANSA/FRANK??RUMPENHORST

Secondo Nouy "è nel momento in cui l'economia va bene che si accumulano le sofferenze, quindi è bene agire preventivamente". E ora è il momento, anche perché le banche non hanno più scuse. All'inizio della crisi "mi dissero che non si poteva agire perché bisognava aspettare che tornasse la crescita, ora è tornata e quindi va fatto", ha spiegato. Inoltre "il credito non ha costrizioni e le banche non stanno lottando per la sopravvivenza". Nonostante le sofferenze siano calate da 1 trilione iniziale ai 700 miliardi di adesso, "sono ancora molto molto alte quindi qualcosa va fatto, non c'è possibilità di non affrontare" il problema. "E' utile per le banche e certamente per i contribuenti", ha detto Nouy.

condividi l'articolo
0