Gianni Boncompagni il regista di grandi successi televisivi, ci lascia a 84 anni

Domani dalle 12 nella storica sede Rai di Via Asiago la camera ardente di Gianni Boncompagni, morto ieri a 84 anni dopo una malattia nella sua abitazione di Roma. Tra i primi a rendere omaggio alla famiglia Renzo Arbore, compagno di avventura di storiche trasmissioni radio come Bandiera Gialla e alto Gradimento. "Ci siamo divertiti tanto e in più di 50 anni non abbiamo mai litigato, ora non ci divertiremo più" ha detto, in lacrime, il conduttore e musicista.

Gianni Boncompagni. Nato in Toscana ad Arezzo il 13 maggio 1932, Grande innovatore della Radio e Televisione italiana con Renzo Arbore, autore e conduttore di storici successi radiofonici come Bandiera gialla e Alto gradimento, e poi autore e regista di Pronto Raffaella?, Domenica In, Non è la Rai, Carramba. A dare l'annuncio all'Ansa sono state le figlie Claudia, Paola e Barbara: "Dopo una lunga vita fortunata, circondato dalla famiglia e dagli amici se n'è andato papà, uomo dai molti talenti e padre indimenticabile". Dopo aver rivoluzionato il linguaggio radiofonico negli anni '60 e '70 con Bandiera gialla e Alto gradimento, complice l'amico di sempre Arbore, nel 1977 Boncompagni debutta in tv con Discoring. Poi arriva Pronto, Raffaella? (1984), condotto da Raffaella Carrà, di cui è stato pigmalione e fidanzato decennale, di Pronto, chi gioca? (1985), condotto da Enrica Bonaccorti e poi realizza tre edizioni di Domenica in. Nel 1991 il passaggio a Mediaset, con Primadonna condotto da Eva Robin's e soprattutto Non è la Rai, programma con cui lancia Ambra Angiolini che diventa l'idolo dei teenager. Tornato alla Rai, nel 1996-97 firma due edizioni di Macao (la prima con Alba Parietti, poi esclusa), la cui seconda edizione chiude per bassi ascolti. Ugualmente sfortunata l'esperienza di Crociera. Nel 2002 il rilancio con il Chiambretti c'è di Piero Chiambretti, tra informazione e varietà  poi tra il 2007 e il 2008 dirige e conduce Bombay su La7. Papà della tv leggera, intelligente e imprevedibile, Boncompagni firma hit musicali come 'Ragazzo triste' di Patty Pravo e 'Il mondo', successo mondiale lanciato nel 1965 da Jimmy Fontana, nonché tutte le hit di Raffaella Carrà, da 'Tuca tuca' a 'Tanti auguri' a 'A far l'amore comincia tu'.

condividi l'articolo
0