La vicenda della famiglia rom a Casal Bruciato: istigazione all’odio razziale

Mentre La Procura di Roma ha aperto un fascicolo d'indagine contro ignoti per **propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale.

 Il reato per cui si procede è propaganda e istigazione a delinquere per motivi di discriminazione razziale. La Digos ha consegnato ai magistrati una prima informativa che ricostruisce quanto avvenuto in via Satta in seguito all’assegnazione di un alloggio popolare a una famiglia rom, vicenda che ha acceso le proteste dei residente e dei movimenti di estrema destra. Al momento il fascicolo è contro ignoti ma gli inquirenti proseguiranno nell’analisi dei video. La Polizia ha già identificato alcuni manifestanti e residenti che hanno insultato i nomadi, compreso chi ha rivolto minacce sessiste a una delle donne della famiglia.
Tra i denunciati, ci sarebbe anche ll giovane che ha urlato "ti stupro" al passaggio della donna rom con la bambina. Secondo la sindaca di Roma, Virginia Raggi, le proteste sono state sobillate dal movimento di estrema destra CasaPound.

0Shares

Lascia un commento