Luciano D’amico: scelgli i tuo futuro, lo slogan elettorale del ex rettore dell’Università di Teramo, candidato alle elezioni per la regione Abruzzo con Legnini Presidente

Nato a Torricella Peligna il 3 gennaio 1960, ha studiato in Abruzzo, vive e lavora a Teramo, dove è stato presidente dell’Istituto Superiore di Studi Musicali Gaetano Braga portandolo alla statizzazione nel 2015, consigliere di amministrazione della Società Primo Riccitelli, presidente dei Corsi di laurea in Economia e amministrazione delle imprese, Economia bancaria, finanziaria e assicurativa, preside della Facoltà di Scienze della comunicazione e rettore dell’Università degli studi di Teramo, risanandone la gestione e guidandola a posizioni di vertice nelle classifiche nazionali degli atenei comparabili.

Ha svolto numerosi incarichi di docenza e di gestione nelle Università di Chieti-Pescara, di Venezia Ca’ Foscari, del Molise, di Verona. È stato presidente della Società Italiana di Storia della Ragioneria ed è membro ordinario dell’Accademia Italiana di Economia Aziendale e della Società Italiana dei Docenti di Ragioneria e di Economia Aziendale.È membro di Comitati scientifici e di redazione di numerose riviste scientifiche, autore di numerose pubblicazioni con editori nazionali e internazionali sui temi dell’Economia aziendale, del Management, dell’Accounting e del Financial reporting.È stato insignito dell’Onorificenza al merito di Cavaliere della Repubblica.Ha svolto numerosi incarichi per conto di Pubbliche amministrazioni fra cui il riordino delle aziende regionali di trasporto, promuovendo la creazione di TUA, curandone il risanamento economico-finanziario e avviandone una nuova fase di sviluppo con il rinnovo della flotta, l’ammodernamento del servizio e nuove assunzioni. Come membro del Tavolo tecnico regionale di programmazione del Patto per il Sud-Masterplan Abruzzo, ha presentato le schede-progetto per il recupero del Manicomio Sant’Antonio abate di Teramo, ottenendo un finanziamento di 30 milioni di euro (è già in corso la redazione del progetto esecutivo ed è prevista l’apertura del cantiere entro l’autunno 2019), per la realizzazione del Centro di ricerca Agri-Bio-Serv per l’Istituto Zooprofilattico Caporale di Teramo e il Polo Agro-Bio-Veterinario dell’Università di Teramo, ottenendo un finanziamento di 53 milioni di euro (è in completamento la progettazione esecutiva per alcuni lotti ed è imminente l’apertura dei cantieri per altri), per la realizzazione di un sistema innovativo di trasporto a fune gratuito per tutti i residenti e gli studenti per il collegamento del quartiere di Colleparco con il centro storico di Teramo, ottenendo un finanziamento di 10 milioni (rifiutato dal Consiglio comunale nel dicembre 2017, nonostante l’Università si fosse impegnata a sostenere tutti i costi di gestione e manutenzione), per ulteriori progetti a valenza regionale (Piastra logistica in Val di Sangro, Ultimo miglio ferroviario per il collegamento del Porto di Ortona, per la realizzazione della auto-stazioni di Teramo, Mosciano Sant’Angelo, L’Aquila, Vasto, Avezzano, Pescara, Lanciano, Montesilvano) ottenendo finanziamenti complessivi per 12 milioni di euro.






0Shares

Lascia un commento