Il governo cerca di sciogliere nel voto delle Camere le tensioni in maggioranza

CONTE CHIEDE COESIONE, RENZI INCALZA

Il governo cerca di sciogliere nel voto delle Camere le tensioni in maggioranza. A Montecitorio e Palazzo Madama il premier tiene le comunicazioni in vista del consiglio europeo. E sprona i partiti alla “coesione”. Un riferimento alle posizioni assunte da Italia Viva che ribadisce di essere contraria alla task force sul recovery fund. Le ministre renziane Bonetti e Bellanova arrivano addirittura a minacciare le dimissioni e il cdm inizialmente previsto per la serata va incontro a un altro slittamento. Matteo Renzi si dice inamovibile. Sui fondi europei non ci deve essere una duplicazione di poltrone, la parola spetta al Parlamento. Per il premier Giuseppe Conte la dialettica interna alla coalizione e’ segno di vitalita’ a patto che non sottragga energie e non distragga dalla partita europea. Domani e venerdi’ Conte sara’ a Bruxelles per il Consiglio. Un passaggio decisivo su molti fronti, a cominciare dalla pandemia, per la quale il premier auspica un’azione congiunta nella campagna di vaccinazione.

+1